Editoriale dal N°7

0

di Andrea Cerqua

AC7

L’idea mi ha affascinato sin da subito, seguire una sagoma che… comincia un suo percorso. Si stacca, per perdersi o ritrovarsi, ma nulla è più come prima poiché ricongiungersi all’unità originaria sarebbe come voler ricomporre un improbabile immagine non più integra in quanto lacerata e diversa nel suo più profondo intimo. La sagoma viene verso di noi, oppure si allontana, è sicuramente in movimento ed ognuno la percepisce a suo modo. Porta con se brandelli di noi, ma riesce ad essere se stessa poiché fuori dal nostro ragionevole controllo, persa in un indistinguibile universo si fa colore e sfumatura di ogni sapore esistente dell’umano agire. E’ ogni azione, è ogni espressione, porta il seme di ciò che siamo ed è generatrice di ciò che vorremmo essere. Diviene proiezione del come e del quando, in fin dei conti noi, visti più da vicino non siamo forse… Sagome?

Lascia un commento

Questo sito raccoglie informazioni anonimi sulla navigazione, mediante Cookie integrati da terze parti. Rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge, continuando a navigare su questo sito accetti e acconsenti l’uso dei Cookie. Approfondisci leggendo la "Cookie policy completa"

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi