Da fatti per durare, a obsolescenza programmata

1

Da fatti per durare

Abbiamo attraversato così sessant’anni,
sessant’anni della nostra storia:
tutta un’altra base di partenza,
tutt’altri sogni da realizzare,
tutt’altre idee su come realizzarli.
Poi è venuto il vento caldo,
siamo andati al mare
i castelli di sabbia abbiamo abbellito
conchiglie, sassi, legni, molluschi.
Molluschi siamo diventati,
nascosti dietro paraventi d’idee.
Abbiamo rinnegato tutto,
davanti a un piatto succulento,
unto e bisunto,
pesante ma troppo buono!
Eravamo stati fatti per durare,
come le lavatrici e i frigoriferi,
quelli bombati dell’epoca nostra,
fatti da mani callose,
mani semplici e ignoranti
ma con teste oneste pensanti.
Quando abbiamo messo noi le mani,
mani tronfie e istruite, mani superbe
di costruire, di fare, di rivoluzionare,
abbiamo prodotto un prodotto
fatto per distruggersi al più presto:
a obsolescenza programmata,
e dove c’è un programma obsoleto,
c’è un futuro che è perduto.

Sono nata a Roma il 15 settembre del 1961. Ho frequentato i primi 3 anni del Liceo Classico e ho conseguito la Maturità Magistrale. Scrivo da quando avevo sedici anni, per motivi di famiglia e non solo, la penna è rimasta silente per circa vent'anni. Dal 2010 ho ripreso a scrivere. Ho vinto numerosi premi sia per la poesia che per la narrativa e mie poesie sono presenti in diverse Antologie

Discussione1 commento

Lascia un commento

Questo sito raccoglie informazioni anonimi sulla navigazione, mediante Cookie integrati da terze parti. Rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge, continuando a navigare su questo sito accetti e acconsenti l’uso dei Cookie. Approfondisci leggendo la "Cookie policy completa"

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi