AQUAE CAERETANAE: LA RISCOPERTA

0

Le Aquae Caeretanae, riscoperte solo nel 1987, dopo oltre 1600 anni, sono ora in corso di ripulitura a cura del Gruppo Archeologico del Territorio Cerite.

Terme di Cerveteri

A cura di Arnaldo Gioacchini – Membro del Comitato Tecnico Scientifico dell’Associazione Beni Italiani Patrimonio Mondiale UNESCO

Aquae Caeretanae: mito o realtà?

Le ultime notizie certe sulle famose Aquae Caeretanae ce le dette l’imperatore Lucio Domizio Aureliano (n. 214 p. C. m. 275 p. C.) il quale dichiarò che si trattava “delle acque termali più calde d’Italia”, mentre precedentemente lo storico e geografo greco Strabone (n. 60 a.C. m. 21 p. C.) nel suo De Geographia aveva scritto che “erano talmente famose da essere più popolate della stessa Caere”.

Sulle Aquae vi è anche da ricordare ciò che annotò lo storico antico romano Tito Livio (n. 59 a.C. m 17 p. C.)  nella sua Ab Urbe Condida (una monumentale storia di Roma a partire dalla sua fondazione) “Nell’anno 535 tra i vari prodigi ci fu quello delle acque ceriti miste a sangue” (ovviamente a.C.  e quindi siamo in piena epoca etrusca). Dopo Aureliano questo sito (esteso per circa 7 ettari! – Una vera e propria grande città termale dove si abitava, si sostava e dove, fra l’altro, effettuavano la quarantena anche le quadrate legioni romane) fu completamente obnubilato scomparendo dai “radar della storia” per oltre 1600 anni e ciò addirittura fino al 1987 del secolo scorso.

Terme di Cerveteri

La riscoperta

Insomma, per riepilogare, il mistero delle Aquae Caeretanae scomparse per secoli (con un grande cruccio da parte degli studiosi di mezza Europa) era stato risolto con la “riemersione”, dai gangli della storia antica, di due grandi vasche (appunto il calidarium ed il tepidarium), colonne, mosaici policromi, marmi di giallo antico e di Carrara con il tutto “condito”, stando alle cronache dell’epoca, da una gran bella polla di acqua sulfurea che rendeva acre l’aria tutto intorno.

Attualmente il GATC che si avvale anche della capacità e della professionalità degli archeologi Flavio Enei e Stefano Giorgi (Gruppo Archeologico del Territorio Cerite – onlus), ha avuto dalla Soprintendenza Archeologica (la quale ha come supervisore della Zona l’archeologa dr.ssa Rossella Zaccagnini) il permesso di ripulitura e lo sta facendo con la stessa équipe operativa, coordinata da Gianfranco Pasanisi.

📢    📢    📢
Diventa promotore dell’Arte

Sei un Artista in cerca di visibilità?
Sei stato ad una mostra e vuoi condividere la tua esperienza?
Stai organizzando un evento sull’Arte o la cultura in generale?
Sei appassionato di giornalismo e vuoi avere visibilità?
Fai delle foto, dei video e scrivi due righe. Inviacele e al resto penserà la redazione di Tracciati d’Arte! Potremmo darti visibilità attraverso articoli sulla rivista cartacea “Tracciati d’Arte”, sul sito tracciatidarte.it, sulle nostre pagine social: Facebook e Instagram. Se vuoi essere menzionato nell’articolo e taggato sui social per una maggiore visibilità non dimenticare di specificare che vuoi essere menzionato e il link dei tuoi profili social.
Il tutto GRATUITAMENTE. Aiutaci a divulgare l’Arte e la cultura sul nostro splendido territorio!

In quasi 10 anni di attività la rivista indipendente “Tracciati d’Arte” ha promosso decine di iniziative artistiche e culturali su tutta Roma e provincia. La nostra sede è a Ladispoli e lavoriamo a stretto contatto con centinaia di attività locali situate sul litorale Nord di Roma e non solo. L’ideatore e editore è Andrea Cerqua (www.andreacerqua.it) noto artista a livello nazionale, maestro in arti pittoriche e fondatore dell’ Associazione Culturale “Fatto a mano”. Quotidianamente la rivista viene distribuita in tutto il territorio in più di 5000 copie in via completamente gratuita. La si può trovare esposta in moltissime attività del Litorale Nord di Roma, musei, biblioteche, centri culturali e di aggregazione giovanile. Come rivista utilizziamo fondi messi a disposizione dai commercianti che scelgono di darci fiducia e si affidano a noi per inserzioni pubblicitarie cartacee e digitali. Grazie a loro possiamo continuare a condividere la nostra passione per l’arte, la cultura, l’artigianato, il territorio e la creatività anche in senso più generale. Su Facebook la redazione gestisce un gruppo “Amici dell’Arte” molto attivo con oltre 5000 iscritti, qui ognuno ha la possibilità di condividere le proprie creazioni artistiche con il pubblico dei social. Le riviste sono integralmente sfogliabili online su www.tracciatidarte.it/riviste Buona lettura! W l’Arte!

Lascia un commento

Questo sito raccoglie informazioni anonime sulla navigazione, mediante Cookie integrati da terze parti. Rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge, continuando a navigare su questo sito accetti e acconsenti l’uso dei Cookie. Approfondisci leggendo la "Cookie policy completa"

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi