Alla ricerca delle origini

0

Tracciati d’Arte n. 3

LA PRIMA ARTE ETRUSCA NEI “CANOPI” DI CHIUSI

AE3_1Nei sepolcreti villanoviani le ceneri dei defunti erano contenute nei vasi di argilla, con una decorazione geometrica, chiusi in cima ad una ciotola rovesciata. Una volta che i Rasenna (Tirreni-Etruschi) si sovrapposero ai villanoviani notiamo diversi cambiamenti. Al posto della ciotola troviamo prima i loro elmi crestati. Ma non solo. Osserviamo un importante trasformazione artistica. Il vaso cinerario non è più rigidamente biconico, bensì rotondo e ben panciuto. Il coperchio non è più rappresentato da una ciotola e nemmeno dall’elmo del guerriero: vi è una vera e propria testa di argilla, modellata come una maschera umana. Ci troviamo di fronte a veri e propri primitivi busti umani chiamati “canopi” con il corpo sempre più proporzionato al collo del vaso. Questi “canopi antropoidi”, ritrovati specie a Chiusi sono cosi chiamati per la loro forma umana, poiché il coperchio è modellato secondo le sembianze di una testa. Il vaso vero e proprio assume la forma di un busto. I manici prendono sempre di più l’aspetto di braccia piegate oppure persino protese in avanti. L’umanizzazione dei vecchi cinerari biconici Villanoviani è dunque compiuta. Forse questi canopi rappresentano i Lucumoni, ossia i personaggi più eminenti della città etrusca. Testa per i latini è ciò che sovrasta, quello che è in cima, come una ciotola di terracotta. Il termine busto potrebbe poi ben derivare da “combusto”, vale a dire da bruciato e incenerito. Nei “canopi” (scrive Pietro Bargellini-Belevedere-1958) non si trovava infatti il defunto, combusto, ridotto cioè in cenere? Perché non pensare allora che il termine busto non si riferisca alla ricostruzione parziale della figura umana? L’etimologia dei “canopi” ci svela lati oscuri del nostro passato.

Aldo Ercoli

Lascia un commento

Questo sito raccoglie informazioni anonimi sulla navigazione, mediante Cookie integrati da terze parti. Rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge, continuando a navigare su questo sito accetti e acconsenti l’uso dei Cookie. Approfondisci leggendo la "Cookie policy completa"

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi